vienna.jpgVienna: 330 eventi nel 2011 e un indotto di 190 milioni

(Event Report, 9 settembre 2011)

Ecco perché è importante avere un Convention Bureau che funzioni: la meeting industry vera opportunità di sviluppo per una destinazione o un territorio

Secondo le previsioni del management, alla fine del 2011, il centro congressi Hofburg Vienna avrà ospitato nel corso dell'anno 330 eventi, per un totale di 470.000 pernottamenti generati. Complessivamente, la gestione porterà alla capitale austriaca un indotto stimato in 190 milioni di euro. Nei mesi scorsi, inoltre, la struttura ha investito mezzo milione di euro in fibra ottica e sistemi audio di alta qualità.
Sono i numeri comunicati dalla struttura sul Danubio per la quale, dopo un calendario primaverile caratterizzato da eventi politici di primo piano come il World Economic Forum e l’Unido Vienna Energy Forum, la seconda parte dell’anno sarà focalizzata sulle conferenze di business e sui congressi scientifici. All’interno del programma autunnale figurano infatti l’Austrian Ear, Nose and Throat Congress (a settembre), il primo meeting della European Knee Association e il Congresso mondiale di Criochirurgia, tra ottobre e i primi di novembre. A ottobre si svolgerà anche ACCESS, fiera del settore meeting e incentive.
Per fine 2011 è previsto un ulteriore evento di rilievo in ambito politico, la World Policy Conference di novembre, che sarà centrata sulla governance globale e prevede una partnership organizzativa con la Cancelleria federale austriaca.
Se da un lato il segmento conferenze e meeting costituisce il 55% dei ricavi previsti, dall’altro è in crescita la domanda per serate di gala: “Quest’area rappresenta circa il 15% del fatturato annuale: è il nostro secondo business” sottolinea Renate Danler, managing director dell'Hofburg Vienna.