terapia_dolore2.jpgCorso ECM sulla Terapia del Dolore

9 aprile 2016

Si è svolto a Bologna il 7 e 8 aprile il Corso di Formazione Continua in Medicina sulla Terapia del Dolore organizzato da Cluster Formazione

Il Corso dal titolo "La gestione del dolore e delle terapie di supporto nel paziente oncologico. Sintesi fra buona comunicazione e competenze scientifiche", ha avuto come Responsabile Scientifico il Dott. Andrea Pietro Sponghini (S.C.D.U di Oncologia, A.O.U. “Maggiore della Carità” di Novara).
Le terapie di supporto non riguardano esclusivamente la gestione del dolore, ma tutte le cure complementari ai trattamenti oncologici attivi (es. terapia antiemetica, trattamento delle metastasi ossee, trattamento della cachessia neoplastica, ecc.), accompagnando il paziente oncologico già dai primi stadi di malattia.
Obiettivo principale dell'evento formativo è stato quello di approfondire le conoscenze per ottimizzare la gestione del trattamento del dolore e più in generale delle terapie di supporto nel paziente oncologico. All'evento hanno partecipato Opinion Leader e Clinici che hanno affrontato gli aspetti di maggior rilevanza in tale ambito.
Oggi, in un’epoca in cui la medicina ha raggiunto straordinari traguardi di sviluppo tecnologico ed il concetto di medicina basata sulle evidenze (EBM) è ormai molto familiare, si è sentita l’esigenza di recuperare il rapporto medico-paziente, dove la narrazione della patologia del paziente al medico è considerata al pari dei segni e dei sintomi clinici della malattia stessa. Questa Medicina Narrativa (NBM, Narrative Based Medicine) si riferisce non solo al vissuto del paziente, ma anche ai vissuti del medico ed alla loro relazione. Pertanto, per favorire l’apprendimento attivo i partecipanti sono stati suddivisi in gruppi di lavoro e, con la partecipazione di tutors e facilitatori, sono stati coinvolti in una serie di attività formative integrate: dall’acquisizione di competenze di public speaking (gli elaborati proposti dai gruppi di lavoro sono stati presentati in sessione plenaria a cui è seguita una discussione collegiale sull’esperienza effettuata, avendo come obiettivo finale lo scambio e il confronto in relazione alle principali tematiche affrontate e alle maggiori criticità incontrate) alla comunicazione medico-paziente (tramite la preparazione di Role Playing e relativa discussione collegiale) confrontando EBM e NBM.