Mesotelioma maligno della pleura. Un approccio multidisciplinare alla presa in carico globale

Inizio corso: 15/10/2014

Fine corso: 14/10/2015

Crediti formativi: 18

CONTENUTI

Il Mesotelioma Maligno è una neoplasia aggressiva del mesotelio pleurico. L’amianto è il principale agente eziopatogenetico e l’esposizione è documentabile nel 70-80% dei pazienti affetti.
Si tratta di una neoplasia rara, la cui incidenza, nei paesi europei, è di 2/100.000 nuovi casi/anno.
L’incidenza in Italia secondo i dati del quarto rapporto ReNaM si attesta su circa 3 casi/100.000 abitanti/anno per l’uomo e 1 caso/100.000 abitanti/anno per la donna, con una netta tendenza alla clusterizzazione.
In alcune aree geografiche, come la provincia di Alessandria con epicentro a Casale Monferrato e nella provincia di Pavia con epicentro a Broni Stradella, l’incidenza è oltre 10 volte superiore alla media nazionale. La prognosi di questa patologia è severa e le terapie attualmente disponibili sono in grado di impattare solo in modo marginale sulla storia naturale della malattia. La rarità comporta una maggiore difficoltà ad organizzare la ricerca clinica e preclinica che richiederebbe un maggior coordinamento.
L’approccio multidisciplinare alla patologia è cruciale per realizzare quella presa in carico globale che rappresenta la condizione essenziale per l’appropriatezza del flusso diagnostico-terapeutico-assistenziale. In provincia di Alessandria è attivo dal 2009 un gruppo interdisciplinare cure (GIC) interaziendale che rappresenta un modello di integrazione delle varie competenze anche quando provenienti da strutture ospedaliere differenti. Un recente progetto CCM si propone di valutare l’efficienza di tale modello e di sperimentarlo anche nella realtà pavese nella quale il problema mesotelioma è di analoga entità. In questo corso verranno affrontati i differenti aspetti epidemiologici, diagnostici, clinici, psicosociali e assistenziali riguardanti la patologia. Solo la corretta applicazione di linee guida condivise relative ad ognuno di questi punti è in grado di impattare in maniera positiva sul difficile percorso di questi pazienti. E’ lasciato uno spazio alla banca biologica dei tessuti: la raccolta dei campioni biologici corredati delle informazioni cliniche e della caratterizzazione biomolecolare è infatti un aspetto di fondamentale importanza per la ricerca.
Il corso è rivolto principalmente ai Medici di Medicina Generale e a gli Infermieri che operano nelle due aree geografiche ma anche a tutti quegli specialisti che vogliano approfondire la conoscenza su questa patologia.



Destinatari

Medici di Medicina Generale, Infermieri



Periodo
Dal 15/10/2014 al 14/10/2015

Faculty

Responsabili Scientifici
Ezio Piccolini
- Direttore S.O.C. di Pneumologia, Ospedale “Santo Spirito” di Casale Monferrato (AL)
Giorgio Vittorio Scagliotti
- Professore Ordinario di Oncologia, Università degli Studi di Torino
Direttore del Dipartimento di Oncologia, A.O.U. “San Luigi Gonzaga” - Orbassano (TO)

Tutor Scientifico
Federica Grosso
- Dirigente Medico, S.C. di Oncologia , Responsabile Unità Funzionale Interaziendale Mesotelioma, A.O.N. “SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo” di Alessandria



Accreditamento

Il corso è accreditato nell'ambito del programma nazionale di Educazione Continua in Medicina - Provider ECM: Cluster s.r.l. - ID Age.Na.S. 345



Procedura di valutazione

Questionario con risposte a scelta multipla randomizzato



Codice evento
102932

Link
http://www.fadmesotelioma.it