L’emicrania mestruale. Approccio analitico ad un caso clinico commentato

Inizio corso: 15/03/2013

Fine corso: 31/12/2013

Crediti formativi: 3

Se vuoi acquistare il corso FAD vai a http://shop.clustersrl.it/

 

CONTENUTI
L’emicrania è una patologia neurologica benigna estremamente frequente nella donna, soprattutto quando è in età riproduttiva. Questo disordine neurovascolare rappresenta spesso una sfida terapeutica molto importante per il medico, in quanto peggiora ciclicamente e regolarmente ogni mese la qualità della vita delle donne che ne sono affette, introducendo un forte elemento di disabilità.
In questo modulo FAD, ispirato a una revisione della serie Headache Profiles, a cura dell’American Headache Society, alcuni dei massimi esperti mondiali di cefalee femminili forniscono un profilo molto dettagliato dell’emicrania mestruale.
Partendo dal caso clinico di una donna trentaduenne con esacerbazione degli attacchi dopo la gravidanza, discusso nei particolari, iniziando da un’approfondita anamnesi fino a giungere alle principali linee di trattamento. I vari autori passano poi in rassegna i fattori scatenati dell’emicrania, in generale, e la loro possibile gestione, le influenze degli ormoni sessuali sull’emicrania nella donna e la gestione dell’emicrania mestruale, con le varie strategie di profilassi ciclica perimestruale o “mini-profilassi”.
L’emicrania mestruale, che rappresenta per la donna un evento doloroso ciclico altamente invalidante, necessita innanzitutto di un corretto trattamento dell’attacco acuto, il che significa che, in prima istanza, bisogna insegnare alle pazienti che l’attacco va trattato il prima possibile con un farmaco specifico. Non vi è ormai dubbio che i triptani rappresentino il presidio farmacologico di elezione per il trattamento dell’emicrania mestruale. Proprio in questo tipo di cefalea esistono ormai molti studi che avvalorano l’efficacia dei triptani nell’attacco acuto.
Nella maggior parte dei casi una corretta e rapida gestione dell’attacco riesce a risolvere il dolore e la disabilità della donna. Se gli attacchi risultano invece particolarmente resistenti alla sola terapia sintomatica, si può passare alle varie strategie di mini-profilassi, non dimenticando mai di evitare il più possibile nel periodo perimestruale di esporsi ai trigger che generalmente possono provocare l’insorgenza di un attacco emicranico.



Destinatari

Medici di Medicina Generale, Ginecologi, Neurologi, Farmacisti



Faculty

Giovanni Battista Allais – Torino



Obiettivi formativi

• Definizione dell’emicrania mestruale pura o correlata alle mestruazioni
• Gestione dei fattori scatenanti dell’emicrania
• Terapia acuta e profilassi dell’emicrania mestruale



Accreditamento

Il corso è accreditato nell'ambito del programma nazionale di Educazione Continua in Medicina - Provider ECM: Cluster s.r.l. - ID Age.Na.S. 345



Procedura di valutazione

Questionario con risposte a scelta multipla randomizzato



Codice evento
55319

Link
http://www.fademicrania.it