Eventi ECM FAD

Best In Synergy

Prendersi cura del paziente affetto da Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF)

7 ottobre 2020

Dalle ore 16.00 alle ore 19.00

RESPONSABILI SCIENTIFICI

Antonella Caminati

U.O. di Pneumologia e Terapia Semintensiva Respiratoria,

Ospedale “San Giuseppe”, Gruppo Multimedica - Milano

Fabrizio Luppi

U.O.C. di Pneumologia, P.O. “San Gerardo” - A.S.S.T. di Monza (MB)

Lorena Mercante

S.C. di Pneumologia U, A.O.U. “Città della Salute e della Scienza” di Torino

La Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF), identificata istologicamente come polmonite interstiziale usuale, rappresenta la maggior parte dei casi di polmonite interstiziale idiopatica. La fibrosi polmonare idiopatica colpisce uomini e donne di età maggiore ai 50 anni in un rapporto di circa 2:1, con un marcato aumento dell’incidenza a ciascuna decade di età. I sintomi e i segni di fibrosi polmonare idiopatica si sviluppano tipicamente da 6 a diversi anni e comprendono dispnea da sforzo e tosse non produttiva. Sono rari i sintomi sistemici, come la febbre e le mialgie. Il classico segno della fibrosi polmonare idiopatica sono i crepitii inspiratori fini e secchi (crepitii a velcro) ad entrambe le basi.

 

Purtroppo la maggior parte dei pazienti rivela una malattia già in stadio moderato o avanzato al momento della diagnosi e peggiora nonostante il trattamento. E’ quanto mai importante, quindi, individuare criteri di diagnosi precoce della malattia affinchè la presa in carico del paziente possa avvenire già in fase di patologia lieve.

 

Altrettanto importante è condividere una metodologia di presa in carico del paziente che favorisca il più possibile l’aderenza alla terapia e che consenta di affrontare e gestire in modo appropriato le eventuali comorbilità.

 

Questo corso di formazione ha quindi l’obiettivo di condividere possibili criteri di definizione di un Percorso Diagnostico-Terapeutico Assistenziale (PDTA) del paziente con IPF, che permetta poi di impostare correttamente la presa in carico e l’approccio terapeutico, concentrandosi in particolare sul paziente con funzionalità respiratoria preservata.

 

Infine il corso porrà l’accento sull’importanza di una buona comunicazione tra medico e paziente quale elemento fondamentale per un corretto passaggio di informazioni, per una giusta motivazione del paziente a sottoporsi ad una determinata terapia ed a proseguirla nel tempo e per la reale accettazione della propria patologia cronica.

Il corso, rivolto ad un massimo di 50 partecipanti, è destinato alla professione di Medico-chirurgo (discipline di riferimento: Geriatria, Malattie dell’Apparato Respiratorio, Medicina d’Urgenza e Medicina Interna).

 

ECM

 

Provider ECM: Cluster s.r.l. - ID 345

Obiettivo formativo: documentazione clinica, percorsi clinico-assistenziali, diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza e profili di cura (Obiettivo formativo di processo n° 3)

Progetto formativo n. 345 - 299236 

Crediti assegnati: 4,5 (quattro virgola cinque)

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo non condizionante di

CLUSTER s.r.l.

Via Carlo Alberto, 32

10123 Torino

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
  • YouTube Icona sociale
  • Vimeo Icona sociale

© 2020 CLUSTER s.r.l. | tutti i diritti riservati | P.IVA IT07530720015

logo_FC.png