Archivio eventi ECM FSC

GDM_presto.jpg

Gruppo di Miglioramento ECM (FSC)

Presto che è tardi!

La gestione del paziente diabetico tra diabetologo

e cardiologo

11 marzo 2021

Ore 14.30 - 21.00

RESPONSABILI SCIENTIFICI E TUTOR

Carlo Bruno Giorda

Direttore S.C. di Malattie Metaboliche e Diabetologia, ASL TO5 – Chieri (TO)

Alessandro Lupi

Direttore S.O.C. di Cardiologia, ASL VCO – Verbania

screen_presto1.jpg
screen_presto3.jpg
screen_presto5.jpg
screen_presto2.jpg
screen_presto4.jpg
screen_presto6.jpg
screen_presto7.jpg

Il Diabete Mellito Tipo 2 è una patologia la cui prevalenza in continua ascesa si associa ad un parallelo incremento di costi sociali nonché ad un rilevante incremento di complicanze micro e macro-vascolari da essa derivanti. Per questo motivo appare oggi ancor più prioritario individuare modelli organizzativi e percorsi diagnostico-terapeutici che siano ottimizzati secondo le indicazioni delle linee guida nazionali e internazionali e che tengano conto, oltre che di un buon controllo della malattia diabetica, anche delle comorbidità associate.

 

La Regione Piemonte, in seguito all’istituzione della Rete Endocrino-Diabetologica Regionale, nel novembre 2017 ha deliberato l’attivazione del PDTA Diabete Mellito con l’obiettivo di delineare il percorso che, sulla base delle raccomandazioni formulate a livello nazionale e internazionale per identificare i livelli minimi di assistenza diabetologica, individuasse le attività che devono essere realizzate per assicurare a tutti i soggetti diabetici, o a rischio di sviluppare la malattia diabetica, in ciascuna ASL della Regione Piemonte, la valutazione specialistica diabetologica. In osservanza di tale deliberazione, ciascuna ASL piemontese ha inoltre definito le proprie modalità organizzative per assicurare i livelli di assistenza diabetologica, attraverso appositi servizi qualificati, a livello regionale, come Centri di accoglienza, di indirizzo e di supporto al Percorso Diagnostico e Terapeutico Assistenziale del diabete mellito.

 

Alla luce di quanto sopra, è stato costituito un Gruppo di Miglioramento che si configura come un gruppo fra pari i cui membri operano congiuntamente con l’obiettivo di fare il punto sull’applicazione del PDTA regionale a poco più di 3 anni dalla sua attivazione presso 5 ASL della Regione Piemonte (ASL CN1, ASL CN2, ASL TO4, ASL TO5 e ASL VCO), prendendo in esame i primi report di attività, condividendo alcune criticità operative e proponendo alcune opportunità di miglioramento in termini di efficacia clinica ed organizzativa nell’ottica dell’incremento di qualità del servizio offerto al paziente.

 

Per partecipazione a gruppi di miglioramento si intendono attività per lo più multiprofessionali e multidisciplinari organizzate all’interno del contesto lavorativo con la finalità della promozione alla salute, del miglioramento continuo di processi clinico-assistenziali, gestionali o organizzativi, del conseguimento di accreditamento o certificazione delle strutture sanitarie. In essi l’attività di apprendimento avviene attraverso la interazione con un gruppo di pari con l’ausilio di uno o più Tutor/Coordinatori. L’attività svolta nell’ambito dei lavori del gruppo sarà documentata e potrà comprendere la revisione di processi e procedure sulla base della letteratura scientifica, dell’evidence based o degli standard di accreditamento, l’individuazione di indicatori clinici e manageriali, le discussioni di gruppo sui monitoraggi delle performance.

 

Nello specifico, l’obiettivo di questo Gruppo di Miglioramento è quello di mettere a confronto le esperienze delle 5 ASL della Regione Piemonte coinvolte (ASL CN1, ASL CN2, ASL TO4, ASL TO5 e ASL VCO) al fine di condividere aree di miglioramento che consentano di ottimizzare l’inquadramento, la presa in carico e la gestione del paziente con Diabete Mellito Tipo 2 e scompenso cardiaco e/o a rischio cardiovascolare, ponendo particolare attenzione alle modalità di identificazione dei fenotipi su cui modulare l’approccio terapeutico e le relative attività di follow-up. Ogni membro del Gruppo, anche attraverso un lavoro individuale di ricerca e di reporting, darà il proprio contributo al lavoro che verrà prodotto, individuando i documenti e gli strumenti necessari per il raggiungimento dei migliori risultati attesi. Al termine dell’incontro è previsto un output finale, mediante una relazione specifica su quanto emerso durante l’incontro.

Tale attività di formazione sul campo (FSC), rivolta ad un massimo di 13 partecipanti, è destinata alla professione di
Medico-chirurgo (discipline di riferimento: Cardiologia, Diabetologia e Malattie Metaboliche, Endocrinologia).

 

ECM

 

Provider ECM: Cluster s.r.l. - ID 345

Obiettivo formativo: documentazione clinica, percorsi clinico-assistenziali, diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza e profili di cura (Obiettivo formativo di processo n° 3)

Progetto formativo n. 345 - 311493

Crediti assegnati: 7,8 (sette virgola otto)

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo non condizionante di

boehringer.png
logo_lilly.png